Tipi di Interventi-old

-Terapia Fisica e Strumentale

Le Terapie Fisiche vengono integrate all?interno di un progetto riabilitativo congiuntamente all?Esercizio Terapeutico e alle Terapie Manuali.
La Fisioterapia Strumentale utilizza a scopo terapeutico le Energie Fisiche (luminosa, elettro-magnetica, sonora, meccanica, termica) utilizzando l’impatto di queste energie che sui tessuti genera una catena di reazioni biologiche che si traducono in specifici effetti terapeutici.
In base alla fase di recupero del paziente, viene selezionato l?elettromedicale con l?energia pi? appropriata.

Presso il nostro Studio Medico potrete trovare la seguente strumentazione per la fisioterapia strumentale:

Tecar Terapia, Tens, Ultrasuoni e Elettrostimolazioni.


-Terapia Manuale/ Manipolativa

“La Terapia Manuale Ortopedica (OMT) ? una specializzazione della fisioterapia per il trattamento delle patologie neuro-muscolo-scheletriche, basata sul ragionamento clinico, che utilizza approcci di trattamento altamente specifici, i quali includono le tecniche manuali e gli esercizi terapeutici, ed ? guidata dalle prove di efficacia cliniche scientifiche disponibili e dalla struttura biopsicosociale di ogni singolo paziente?.

Definizione ufficiale fornita dal IFOMPT (International Federation of Orthopaedic Manipulative Physical Therapist)


Quali sono le specifiche tecniche terapeutiche ?

In relazione alla patologia ed ai risultati degli esami il Fisioterapista Manuale opta per:

Tecniche osteoarticolari (mobilizzazioni e manipolazioni)
-Tecniche muscolari e miofasciali (stretching, rilasciamento, muscle energy, trattamento dei trigger points)
-Esercizi medici di reclutamento attivo (stabilizzazione, rinforzo muscolare, propriocezione, coordinazione motoria, equilibrio, ecc.)
-Programmi di esercizi domiciliari
-Educazione sui disturbi e istruzioni sulla gestione del movimento, della gestualit?, dell?ergonomia e della postura nella vita quotidiana


Disordini Muscolo Scheletrici della Colona Vertebrale

-Disordini funzionali cervico-occipitali (cefalea, vertigini, acufeni, disordini oculari, emicrania, ATM, ecc.)
-Disordini medio-cervicali (torcicollo, cefalea, dolore cervicale locale, ecc.)
-Disordini del passaggio cervico-toracico (disturbi della spalla e dell?arto superiore, cervicobrachialgia, squilibri muscolari del cingolo scapolare, ecc.)
-Disordini funzionali vertebrali toracici (pseudo angor pectoris, dolore locale toracico, ecc.)
-Ipomobilit? delle articolazioni costovertebrali e costotrasversarie (disordini funzionali nel respiro, dolore locale costale, ecc.)
-Disordini funzionali vertebrali lombari (lombalgia, squilibri muscolari, sindrome pseudoradicolare, sindrome pseudoviscerale)
-Disordini funzionali sacroiliaci (problemi dello sviluppo, dolore lombare, sindrome pseudoradicolare, squilibrio muscolare del cingolo pelvico)


ATM articolazione tempro mandibolare

Disordini temporo mandibolari (DTM) serie di problematiche coinvolgono l’articolazione temporo mandibolare.


Disordini arti superiori e inferiori

-Dolore e disfunzioni
-Ipomobilit? articolare dopo immobilit?, traumi ed interventi chirurgici


Terapia Posturale

La Rieducazione Posturale ? una tecnica basata su una serie di esercizi volti a riequilibrare le tensioni muscolo-legamentose del corpo, si agisce sulle zone pi? rigide e retratte che, nel tempo, possono causare problemi fisici e dolore.

Esistono differenti tecniche di terapia posturale (M?zi?res,Souchard,Bienfait ecc.) che comunque presentano caratteristiche comuni:
iniziano con un esame posturale e si basano principalmente su esercizi respiratori e movimenti passivi abbinati ad esercizi attivi delle articolazioni.
L’obiettivo principale di queste terapie ? ridonare elasticit? a tutte quelle strutture che a causa di patologie o vizi di posizione, hanno perso o modificato la loro funzione.

Indicazioni:? Lombalgie, Dorsalgie, Cervicalgie, Mal di testa (di origine cervicale), Tendinopatie, Rigidit? in genere.


Chinesiterapia

Il termine deriva dal greco ?Kinesi? che significa movimento, infatti la chinesiterapia ? una branca della medicina che comprende un insieme di tecniche che mirano al recupero del movimento articolare, della forza muscolare, della massa muscolare e della capacit? di svolgere i movimenti senza alcuna difficolt?.

Spesso le funzioni motorie si possono perdere a causa di una immobilizzazione forzata delle articolazioni del corpo dovuta ad un incidente stradale, ad un intervento chirurgico, ad un trauma generico o sportivo (frattura, lussazione, distorsione, lesioni varie, ect.), a patologie reumatiche (artrosi, sindrome del tunnel carpale, ect.), all?utilizzo di gessi o tuturi.

Per ripristinare queste funzioni motorie si devono allenare le articolazioni e i muscoli, seguendo un programma che prevede:
– il ripristino della mobilit? articolare;
– la diminuzione della rigidit? muscolare;
– la diminuzione del dolore agli arti;
– l?aumento del tono muscolare.

Una sessione di chinesiterapia generalmente ha una durata di 60 minuti, durante i quali vengono effettuate manovre specifiche come:
– mobilizzazione degli arti;
– allungamento passivo di alcuni gruppi muscolari;
– rinforzo muscolare attraverso una resistenza opposta;
– esercizi di allungamento attivo;
– esercizi di potenziamento.
Queste manovre possono essere di tre tipologie:

– PASSIVE: il fisioterapista effettua delle manovre sul paziente;
– ATTIVE PURE: il paziente effettua autonomamente le manovre;
– ATTIVE ASSISTITE: il paziente effettua le manovre con l?aiuto del fisioterapista.


Massoterapia

Pratica fisioterapica fondata sul massaggio di alcune regioni del corpo, allo scopo di migliorare le attivit? biologiche.

I principali campi di applicazione della massoterapia sono:
Dolore muscolare, muscolatura contratta, contratture e indurimenti tendinei, ritenzione idrica, stress psichico e cellulite.


Taping Neuromuscolare

La tecnica del Taping NeuroMuscolare (NMT) si basa sull’agevolazione dei movimenti cutanei? e muscolari per ottenere un effetto biomeccanico terapeutico sulle zone trattate.

L’applicazione del nastro, unita al movimento del corpo, produce micromovimenti del nastro che stimolano i recettori cutanei e quelli degli strati sottostanti determinando una risposta muscolare riflessa.